REGIONE PUGLIA: VACCINI ANTICOVID, AGGIORNAMENTO 27 MARZOSI PROSEGUE ANCHE NEL FINE SETTIMANA

Con over 80 e fragili



Sono 554.558 le dosi di vaccino anticovid somministrate in Puglia, su 681.305 dosi consegnate, pari all’81 per cento (dato aggiornato alle ore 15.30).

Di queste 174.120 sono di over 80, 54.022 hanno ricevuto la seconda dose.

Le vaccinazioni anticovid procedono a pieno ritmo anche nel fine settimana. Questa mattina dal Policlinico di Bari è partita la vaccinazione di mille pazienti fragili, trapiantati o in attesa di trapianto. In Puglia sono 4mila pazienti fragili che hanno ricevuto un trapianto e 4mila dializzati. Domani la campagna di vaccinazione per i trapiantati, in attesa di trapianto e dializzati proseguirà a Brindisi, lunedì 29 a Foggia, Barletta e Lecce, mercoledì 31 marzo a Taranto. I pazienti verranno convocati direttamente dal centro di riferimento e non dovranno prenotarsi.

Come da indicazione del Ministero della salute saranno somministrati i vaccini a RNA messaggero.

Al via lunedì nei centri della ASL Bari le vaccinazioni per i soggetti fragili. Nel rispetto del cronoprogramma stabilito dal piano vaccini regionale, lunedì 29 marzo saranno somministrare le prime dosi di vaccino ai pazienti dializzati nei centri di riferimento. Sono state già programmate tra lunedì e martedì 854 somministrazioni nei centri dialisi di: Carbonara/ Di Venere, Triggiano, Putignano, Monopoli, Conversano e Gioia del Colle. Ad eseguire le vaccinazioni sarà il personale infermieristico dei presidi ospedalieri, con il team di nefrologi impegnati nelle procedure pre iniezione, di anamnesi e consenso informato.

La programmazione delle vaccinazioni per i fragili andrà avanti per le due settimane successive fino al completamento della copertura prevista anche per le altre categorie di soggetti vulnerabili, e sarà subordinata alle effettive disponibilità di vaccini.

Conclusa la procedura di comunicazione della sede vaccinale scelta, da lunedì partiranno anche le prime vaccinazioni domiciliari dei Medici di Medicina Generale nel distretto socio sanitario 14 di Putignano. Sono 400 le somministrazioni programmate con i medici di assistenza primaria che saranno effettuate a domicilio per over 80 prenotati e altre categorie di soggetti estremamente vulnerabili. Proseguono intanto oggi a Bari le vaccinazioni domiciliari nei quartieri Libertà e Murat, Japigia, Carrassi, Torre a Mare e Palese dove sono al lavoro gli operatori del Dipartimento di prevenzione. Sono state eseguite oggi 1163 vaccinazioni distribuite in 15 centri della ASL di Bari riservate agli ultra ottantenni tra prime e seconde dosi, di cui 490 nel nuovo hub Fiera.

Il piano di somministrazione prosegue dunque spedito anche nel fine settimana. Si tratta di una campagna di vaccinazione di massa di grandi dimensioni che non ha precedenti. Questa mattina si è registrato un ritardo nella consegna di alcune dosi in un quartiere di Bari: i vaccini sono stati tutti comunque somministrati nel corso della giornata. La direzione della ASL si scusa con i cittadini per l’attesa.

Proseguono spedite, in provincia di Foggia, le somministrazioni delle seconde dosi di vaccino anti Covid alle persone ultraottantenni sia nei centri vaccinali che nelle postazioni mobili dei piccoli Comuni. In questi ultimi, parallelamente, i medici di medicina generale continuano anche le vaccinazioni a domicilio delle persone ultraottantenni non autosufficienti.

Oggi sono in attività i medici di medicina generale di Mattinata, Cagnano Varano, Vico del Gargano e Carpino. Al momento, sono state somministrate a domicilio, in tutto, 660 dosi.

Per quanto concerne le vaccinazioni delle persone estremamente vulnerabili, dopo la seduta vaccinale straordinaria di ieri alle Isole Tremiti durante la quale sono state vaccinate, oltre alle persone ultraottantenni, anche 23 con estreme fragilità, negli altri Comuni della provincia si partirà ufficialmente lunedì 29 marzo.

Nel complesso, ad oggi, la ASL Foggia ha somministrato 95.951 dosi di vaccino, di cui 66.556 prime dosi e 29.395 seconde dosi. Hanno ricevuto la prima dose 26.680 persone ultraottantenni; di queste, 10.311 hanno fatto anche la seconda somministrazione.