MARTINA FRANCA: OBBLIGO DI UTILIZZO DELLA MASCHERINA NELLE VIE PRINCIPALI FINO AL 31 LUGLIO

Di seguito, l'Ordinanza completa



I L S I N D A C O

Visti gli articoli 32, 117 comma 2, lettera q e 118 della Costituzione; Premesso che:  Il 30 gennaio 2020, in seguito alla segnalazione da parte della Cina (31 dicembre 2019) di un cluster di casi di polmonite ad eziologia ignota (poi identificata come un nuovo coronavirus Sars-CoV-2) nella città di Wuhan, l'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di interesse internazionale l'epidemia di coronavirus in Cina;  il giorno successivo il Governo italiano, dopo i primi provvedimenti cautelativi adottati a partire dal 22 gennaio, tenuto conto del carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia, ha proclamato lo stato di emergenza e messo in atto le prime misure contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale;  il Presidente del Consiglio dei Ministri con vari propri Decreti ha emanato disposizioni riguardanti "Misure urgenti per fronteggiare l'emergenza epidemiologica da COVID-19";  con delibera del Consiglio dei Ministri 21 aprile 2021 è stato prorogato fino al 31 luglio 2021 lo stato di emergenza in conseguenza del rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;  da lunedì 14 giugno la Puglia è inserita in zona bianca, come disposto dall'Ordinanza del Ministero della Salute dell'11 giugno 2021;  il Ministro della Salute, il 22 giugno 2021, ha emanato l’ordinanza “Ulteriori misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19 in «zona bianca»” con cui, dal 28 giugno 2021, nelle «zone bianche» “cessa l'obbligo di indossare dispositivi di protezione delle vie respiratorie negli spazi all'aperto, fatta eccezione per le situazioni in cui non possa essere garantito il distanziamento interpersonale o si configurino assembramenti o affollamenti” Considerato che  la mascherina costituisce un presidio che aiuta a limitare la diffusione del virus in aggiunta ad altre misure di protezione e di igiene personale e delle mani;  i numerosi turisti in città stanno affollando il centro storico cittadino creando situazioni occasionali in cui il distanziamento di almeno un metro previsto dalle norme potrebbe non essere garantito;  la variante inglese del virus da Covid-19 risulta a contagiosità particolarmente elevata; Ritenuto, pertanto, necessario dover disporre l’uso della mascherina in Piazza Roma, Via Vittorio Emanuele, Piazza Plebiscito e Piazza Maria Immacolata nelle ore di maggiore fruizione; Tanto premesso; Letto l’art. 50 del D.Lgs. n. 267/2000.


ORDINA


1. è fatto obbligo di indossare la mascherina chirurgica o di comunità, ovvero mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire una adeguata barriera e che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso, con esclusione di dispositivi con filtro, tutti i giorni dalle ore 19.00 alle ore 2.00 del giorno successivo in Piazza Roma, Via Vittorio Emanuele, Piazza Plebiscito e Piazza Maria Immacolata, e in ogni occasione di tempo e di luogo in cui non sia possibile rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro dal 9 al 31 luglio 2021; 1. Nessun obbligo di indossare le mascherine per i bambini di età inferiore ai sei anni e per chi ha forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina.


DISPONE


Di dare la più ampia diffusione attraverso la pubblicazione sull’albo pretorio, sul Sito Istituzionale del Comune di Martina Franca e ogni altro mezzo idoneo a questo fine. La presente Ordinanza viene notificata a:  al Prefetto della Provincia di Taranto;  alla Questura di Taranto  al Commissariato di P.S;  al Comando Compagnia Carabinieri;  al Comando Guardia di Finanza;  Al Comando di Polizia Locale  al Direttore Generale ASL Taranto La Polizia Locale e le Forze dell'Ordine sono incaricate dell'esecuzione della presente Ordinanza


COMUNICA


In caso di mancata ottemperanza alla presente ordinanza seguirà l’applicazione delle sanzioni amministrative disposte dall’art. 2, DECRETO-LEGGE 16 maggio 2020, n. 33. Che il presente provvedimento è impugnabile nei modi e nei termini di cui al D.Lgs. n. 104/2010 e s.m.i. – c.p.a. - innanzi all’A.G. competente.

70 visualizzazioni0 commenti