EX ILVA - PAROLIN, CONCILIARE SALUTE CON LAVORO

Accoglienza commovente per il Segretario del Vaticano Parolin.




"Salutiamo con soddisfazione la volontà di riservare a moltissimi degli operai già in organico il proprio posto di lavoro ed auspichiamo vivamente il reimpiego di coloro i quali, ad oggi, non rientrano nei piani aziendali". Lo ha detto il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato Vaticano, intervenendo nello stabilimento siderurgico ArcelorMittal di Taranto in occasione del 50mo anniversario della visita di San Paolo VI.

"Allo stesso tempo - ha aggiunto Parolin - vogliamo esortare chi in questo momento così delicato ha il compito di tracciare le linee d'azione aziendale, cercando vie percorribili per il risanamento dell'azienda, di adoperarsi perché i più avanzati frutti del progresso scientifico e tecnologico vengano applicati senza indugio anche a questa grande fabbrica. Questo per assicurare la salvaguardia della salute di tutti, mediante una più spiccata attenzione alle conseguenze ambientali dell'attività economica". Il cardinale ha ricordato che "già nel 1989 un altro Papa santo, Giovanni Paolo II, proprio qui dichiarava che 'il campanello d'allarmè relativo alle questioni ecologiche era già suonato ed invitava tutti alla presa di consapevolezza della gravità della situazione. In questi anni il territorio ha pagato in effetti uno scotto di non poco conto. I dati epidemiologici resi noti certificano una sofferenza della quale come Chiesa non possiamo che farci carico. Siamo vicini a tutti coloro che piangono la prematura scomparsa di un loro congiunto e preghiamo per tutti coloro che stanno combattendo la malattia".

0 visualizzazioni
 
 
 
 
 
 

©2015 designed and created  Carone Francesco