Cerca
  • Redazione Video M Italia

CEGLIE - L'appello del Sindaco Caroli alle Istituzioni: Salviamo il nostro Castello


Un appello alle istituzioni, governo centrale e Regione, affinché si garantisca il sostegno necessario per avviare concretamente un progetto non più rinviabile: quello di ristrutturazione e messa in sicurezza della Torre del Castello Ducale di Ceglie. Il Sindaco Luigi Caroli chiama il governatore Michele Emiliano e il Ministro ai Beni Culturali, Alberto Bonisoli, affinché rispondano presenti:


"Dopo l’acquisizione del 2015 della Torre al patrimonio comunale - scrive Caroli -ci siamo già dotati del progetto esecutivo, per tutti gli interventi necessari, e abbiamo già acquisito i pareri della Soprintendenza sia paesaggistico che monumentale. Costo complessivo dell’intervento: 5 milioni di euro, già immediatamente cantierabile. Parliamo di una somma, di un esborso, che il Comune di Ceglie Messapica non può in alcun modo sostenere da solo. Ma da solo il Comune è stato lasciato. Quando un anno fa, da primo cittadino, ho chiesto alla Regione un immediato ed eccezionale contributo di 2 milioni di euro per la messa in sicurezza della struttura, ho ricevuto la disponibilità a un sostegno di appena 50mila euro. Tanto valeva non rispondere. Però non posso arrendermi, e non voglio credere che la Regione, che lo Stato, vogliano abbandonare al suo destino un pezzo storico della propria memoria, un frammento del proprio patrimonio, senza muovere un solo dito.



Il destino della Torre del nostro Castello Ducale, simbolo e storia di Ceglie Messapica, senza immediati e consistenti interventi di messa in sicurezza, senza aiuti dall’esterno che non lascino il nostro Comune isolato in questa annosa vicenda - è l'allarme lanciato dal Sindaco -appare ogni giorno di più drammaticamente segnato. E si badi bene: qui non c’è in ballo la sola e fondamentale sopravvivenza del patrimonio culturale del nostro Paese, la preservazione della memoria della nostra comunità, ma l’incolumità stessa dei cittadini".

75 visualizzazioni