Banca Cordonale di San Giovanni Rotondo, De Leonardis e Caroli (FdI):

“Una eccellenza di livello nazionale che merita risposte dall’assessore Palese per il rilancio delle proprie attività”

“La Banca Cordonale di Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo è l’esempio di ci? che significa eccellenza. Tuttavia è necessario porre in essere azioni concrete per implementare e rilanciare un potenziale eccezionale, imprescindibile per salvare vite e per migliorare la salute di tante persone che, altrimenti, sarebbero costrette a non avere speranze”. Lo affermano i consiglieri regionali di Fratelli d’Italia, Luigi Caroli e Giannicola De Leonardis, a margine dell’audizione svoltasi stamane in Prima Commissione a Bari, alla quale hanno preso parte il direttore medico della Banca Cordonale, Michele Santodirocco e il responsabile di Medicina trasfusionale di Casa Sollievo, Giuseppe Fania. “Abbiamo avuto modo di ascoltare con grande attenzione le precise e puntuali informazioni che ci sono state fornite circa questo fondamentale servizio, cogliendo quelle che potrebbero essere le soluzioni strategiche che la Regione Puglia pu? e deve trovare per rilanciare le attività della Banca Cordonale – proseguono Caroli e De Leonardis che spiegano – Istituita nel 2007 ed entrata a regime nel 2009, la Banca si occupa del bancaggio, previa raccolta dagli attuali 16 punti nascita sul territorio regionale (su più di 40 presenti), del sangue cordonale. Punti nascita che andrebbero decisamente implementati, superando i limiti freddamente statistici del numero di nascite annuali che stabiliscono se una determinata struttura pu? o non pu? essere un punto di raccolta. Si dovrebbe poter avere la possibilità di donare il proprio cordone ombelicale in qualsiasi struttura ospedaliera avvenga il parto”.

I due esponenti meloniani si soffermano sui dati: “La Banca di San Giovanni Rotondo è una delle 18 realtà presenti nel panorama nazionale, la maggior parte delle quali, peraltro, presenti nel Centro-Nord. Dal 2008 al 2021 ha raccolto ben 19mila sacche e ne ha bancate 1800 con 290 raccolte dedicate. Le unità non bancate vengono utilizzate con scopi alternativi: la creazione di gel piastrinico, la creazione di collirio oftalmico e la trasfusione con emazie cordonali. La Banca pu? contare su una sala criogenica che conta ben 13 criocontenitori di azoto liquido per la conservazione. Grazie all’attività della banca, ma soprattutto grazie alle donazioni della mamme pugliesi, la Banca è stata in grado di cedere ben 23 unità di cellule staminali da cordone in varie parti del mondo. Un numero non risibile perché per trovare una compatibilità tra un paziente in attesa di trapianto e un donatore c’è una probabilità di 1 a centomila. E più del 50% dei pazienti trapiantati sono viventi e non avevano quasi nessuna possibilità di farcela. Di tutta evidenza che ci troviamo di fronte a un autentico fiore all’occhiello nell’ambito della sanità pugliese e italiana”.

De Leonardis e Caroli evidenziano: “In Italia non è consentita la conservazione per uso unicamente autologo, cioè personale del sangue del cordone ombelicale, tranne quando, tra i consanguinei del nascituro, vi sia una patologia per la quale è riconosciuto clinicamente valido ed appropriato l'utilizzo terapeutico delle cellule staminali del sangue da cordone ombelicale. Tuttavia è possibile la conservazione in una banca estera, a pagamento. Un dato che, negli ultimi anni, ha fatto perdere colpi alla raccolta tradizionale in non pochi punti nascita. Mancata formazione di nuovo personale ostetrico deputato a questa tipologia di attività, maggiore attività di sensibilizzazione da parte dei ginecologi nei confronti delle coppie ad optare per l’autologa verso banche private estere, assieme a maggiori risorse economiche che la Regione Puglia potrebbe stanziare per le attività della Banca, sono tra i maggiori problemi che l’assessorato regionale alla Sanità è chiamato a risolvere. Sarebbe stata estremamente utile la presenza dell’assessore Palese e del direttore di dipartimento all’audizione di questa mattina – concludono Caroli e De Leonardis – Ci aspettiamo che questa ci sia nell’audizione di luned? prossimo, dove si tornerà a parlare di questo delicato tema. Rispetto al quale, oltre che la presenza fisica, ci aspettiamo interventi strutturali e di rapida operatività”.




8 visualizzazioni0 commenti