AZIENDA FASANESE FESTEGGIA IL RAGGIUNGIMENTO DEL BILANCIO CON UNA CROCIERA

I lavoratori, che si occupano di trattamento delle acque, sono stati accompagnati nelle isole greche.

Per aver raggiunto in anticipo il traguardo di fatturato prefissato, rendendo soddisfacente il bilancio dell’azienda, 28 dipendenti della Technoacque di Fasano sono stati premiati con una crociera tra le isole greche. La notizia è riportata dal Quotidiano di Puglia. Ad accompagnare i dipendenti per una settimana tra Corfù, Atene, Mykonos e Santorini è stato Vito Casarano, 68 anni, amministratore unico dell’azienda che da più di 30 anni produce formulati chimici, impianti di trattamento acque primarie, e fornisce servizi per il trattamento delle acque industriali.


«Ho favorito quell'atteggiamento positivo e persino di interesse - spiega Casarano - che un dipendente deve provare nello svolgere il suo lavoro. Imporre non funziona più, ma è vincente un atteggiamento di inclusione del dipendente nel progetto che si intende realizzare. In questo modo nell’animo del lavoratore si innesca una metamorfosi capace di trascinare gli altri colleghi, generando una reazione motivazionale a catena, che inevitabilmente porta l’azienda alla crescita». L’ingegnere fasanese ha fondato la sua azienda nel 1983, occupandosi inizialmente solo del trattamento delle acque di processo per l’industria. Attualmente la Technoacque si trova nell’area industriale di Fasano su una superficie di ottomila metri quadri.

«Abbiamo avuto l’impressione di avere un secondo papà": è quanto hanno detto alcuni dipendenti della Technoacque di Fasano all’imprenditore Vito Casarano che ha deciso di portarli tutti in crociera a spese della sua azienda, premiandoli per aver raggiunto il fatturato «di cinque milioni di euro». Lo spiega lo stesso Casarano sottolineando che è nato tutto «quasi per scherzo», lanciando al personale "una sfida». «Un giorno - ricorda - mi è venuto da dire: se raggiungiamo l’asticella dei cinque milioni di euro, vi porto tutti in crociera. E così è stato». L’obiettivo è stato raggiunto e lo scorso agosto 25 dei 28 dipendenti sono partiti per le isole greche. In viaggio anche mariti, mogli e figli. «Ma io - precisa l’imprenditore che li ha accompagnati con la sua famiglia - ho pagato solo per i dipendenti. I ragazzi sotto i 18 anni viaggiavano gratis». «In tutto - aggiunge - eravamo una sessantina di persone». «Mi hanno mostrato tanta gratitudine che mi ha commosso», prosegue Casarano sottolineando che per lui «non è stato un costo ma un piacere ricambiato da tanto affetto». Un piacere che potrebbe essere rivissuto dai dipendenti. «A dicembre scorso quando ho fatto il discorso di fine anno - conclude Casarano - ho detto 'ragazzi se andiamo avanti di questo passo l’estate del 2020 potremo fare un’altra crociera»

1 visualizzazione
 
 
 
 
 
 

©2015 designed and created  Carone Francesco