A.P.A.N: VACCINO ANTICOVID NEI PAZIENTI DIALIZZATI IN ATTESA DI TRAPIANTO E PORTATORI TRAPIANTO RENI



Molti pazienti in questo periodo mi chiedono informazioni riguardo alla vaccinazione.

Vi informo che attualmente è in atto un confronto a livello istituzionale, tra la Società Italiana di Nefrologia, nella figura dell’attuale Presidente Prof. Pierluigi Messa, e l’Istituto Superiore di Sanità, con la richiesta di dare priorità alla vaccinazione dei pazienti dializzati (che nel caso contraggano il COVID-19 hanno più probabilità di sviluppare complicanze anche letali, come evidenziato da recenti studi). I pazienti dializzati sottoposti a vaccinazione anti-COVID-19 in Italia saranno poi seguiti in follow-up clinico e sierologico per valutare la risposta alla vaccinazione e l’insorgenza di eventuali effetti collaterali, secondo un protocollo di studio in stretta collaborazione con l’ISS e l’Istituto Spallanzani di Roma e con il supporto di AIFA e del Ministero della Salute.


I pazienti in attesa di trapianto renale sono un’altra categoria per cui è stata chiesta priorità nella somministrazione del vaccino.


Riguardo ai pazienti già sottoposti a trapianto, il Centro Nazionale Trapianti suggerisce di attendere 3-6 mesi dopo il trapianto per eseguire la vaccinazione, per avere una maggior probabilità di risposta (infatti nell’immediato post-trapianto l’immunosoppressione potrebbe rendere la vaccinazione meno efficace).

6 visualizzazioni0 commenti
 
 
 
 
 
 

©2015 Video M Italia